3# Nota di Viaggio (Ciavuru d’amuri) Meo Fusciuni

155,00

Piramide olfattiva:
Note di testa: Fico foglie, Bergamotto, Artemisia
Cuore: Gelsomino, Ylang Ylang
Base: Incenso, Legno di cedro, Benzoino, Polvere, Sandalo

COD: 3EDT Categoria: Tag:

Descrizione

Il progetto Meo Fusciuni nasce dalla definizione artistica di profumo come memoria olfattiva e dall’unione di due anime, Giuseppe e Federica. Meo Fusciuni è un viaggio alla continua introspezione di se stessi, la trasfigurazione olfattiva di un cammino percorso all’insegna della ricerca ossessiva attraverso luoghi, poetiche e sensazioni. Liquido odoroso, materia che lo contiene e linguaggio poetico che lo racconta, tutto racchiuso in un profumo, questo è la filosofia del progetto.

[Trilogia del viaggio]
Il primo progetto olfattivo nasce lungo una traiettoria odorosa che lega Istanbul a Marrakech, passando attraverso un viaggio mnemonico nell’infanzia trascorsa in Sicilia. L’uomo è memoria del suo cammino e il profumo ne racconta ogni suo passo, ogni suo diario. Tre profumi che nascono dall’esperienza vera del viaggio, come ricerca dell’altro, delle terre e degli uomini. Mescolanza che diventa essenza, orizzonte, incanto. Rites de passage, Shukran e Ciavuru d’amuri, note di un viaggio nomade nell’antropologia odorosa del luogo.

3#nota di viaggio (ciavuru d’amuri) eau de parfum
In questo profumo ho ritrovato la mia terra: Ciavuru d’amuri nasce in Sicilia a sud del mondo. Nell’austero silenzio, aspetto il mio tempo. I profumi delle donne avvolgono la casa la salsedine degli zoccoli di legno altalenante compare. Le vesti delle madri profumano di incenso, le madri accarezzano i rosari. Ricordo quei tardi pomeriggi d’estate quando di fretta, dal mare tornavamo a casa, maschi e femmine, rubavamo i fichi che dai muri diroccati si affacciavano sulla strada. Correvamo alla festa, le grandi porte delle chiese aprivano i loro segreti, il loro profumo. Ricordo quelle sere d’estate quando stanco dormivo tra le braccia di mia madre, le mie mani profumavano ancora di fico, ma il mio amore mi custodiva tra le bianche vesti, tra l’incenso che l’avvolgeva.
Quando al mattino mi alzavo, l’odore del fico entrava nel piccolo bagno della casa; il viso ancora
umido e il bollente latte di nonna Vincenza -”…lo bevo sotto al fico e poi vado in spiaggia” -urlavo alla nonna; mi sedevo sulla lunga panca e poggiavo il bicchiere ancora caldo sul tavolo delle feste, davo le spalle al grande fico, lui poggiava con cura sul mio collo, le prime luci calde dell’alba“.

Piramide olfattiva:
Note di testa: Fico foglie, Bergamotto, Artemisia
Cuore: Gelsomino, Ylang Ylang
Base: Incenso, Legno di cedro, Benzoino, Polvere, Sandalo

Commenti